Archivi categoria: Precribio equilario

Vita di M

Standard

Assente da due anni o poco più. Mea culpa. Ho lavorato a due progetti….di uno vi mando il link (oddio mi vedrete!) l’altro ce l’ho ancora in pancia…ma ancora per poco!

Per ora vi lascio con  quello on line ma a breve scriverò del piccolo alien che cresce dentro di me e del fantastico mondo della gravidanza….tutto quello che nessuno vi dice….

Un abbraccio a tutti

 

Intervista a una professoressa

Standard
Vorrei chiarire e spiegare alcuni punti sul perchè sono incazzata come una pantera rispetto al concorso. Siccome nessun giornale ce lo lascia fare, simulerò un’intervista.
D.: è giusto che facciate il concorso!
R: Io sono disposta a fare tutti i concorsi del mondo ma con un programma e del tempo. Stiamo studiando non si sa cosa se non “lo scibile umano” in pochi mesi. In mesi, tra l’altro, che non solo sono di normale lavoro ma sono di lavoro raddoppiato nel mondo della scuola. Infatti, capisco che chi non è nel mondo della scuola non possa capirlo, ma aprile-maggio è il periodo più duro per un’insegnante. Abbiamo mille verifiche da fare, riunioni varie, consigli, scrutini, riunione delle quinte e chi più ne ha più ne metta.
D: Ma era così anche prima non è cambiato nulla con Renzi?
R: Certo che è cambiato! Prima avevamo il doppio canale ovvero il 50% dei posti veniva assegnato tramite concorso e il 50% tramite graduatoria. Questo permetteva a chi faceva anni di gavetta di non vederla sprecata. Magari dopo 10 anni, magari dopo 15 ma prima o poi i sacrifici venivano premiati. Adesso, invece, se non vinci il concorso sei fuori, ma essere una buona insegnante significa saper rispondere a domande sterili di teoria?
D: E questa cosa dei 36 mesi?
R: In aggiunta alla fregatura della chiusura del doppio canale ne abbiamo un’altra. Adesso, dopo 36 mesi di contratto, ossia dopo i normali 3 anni limite in ogni azienda per legge per poter fare contratti a tempo determinato, la 107 prevede che non possiamo più essere assunti. Questo significa che, se non vinco il concorso, avrò 3 anni in cui il governo potrà sfruttarmi e poi mi troverò senza un lavoro e senza la possibilità di essere ri-assunta. Ed è diverso da un qualsiasi altro lavoro perchè qualsiasi altro lavoro è spendibile ma noi dove lo spendiamo il nostro lavoro? Che sappiamo fare? Insegnare e dove si insegna? a scuola.
D: Ho sentito della polemica sul TFA
R: Già, il Tfa. Il Tirocinio Formativo Attivo è stato, di fatto, il sostituto delle vecchie SSIS, scuole di specializzazione all’insegnamento secondario. Come loro avevamo un test d’ingresso, anzi 3, come loro seguivamo corsi e davamo esami, come loro abbiamo avuto l’abilitazione in presenza di un funzionario dello stato. Il Tfa fu presentato come un concorso-corso (parole della stessa ministra Giannini rimangiate ora) il cui numero di posti si basava sul fabbisogno regionale. Il nostro caro premier ha, successivamente, detto che quando parlava di fabbisogno non si riferiva al numero di insegnanti che servivano, ci chiediamo ancora nel linguaggio renziano cosa significhi fabbisogno. In Emilia Romagna siamo entrati in 22 a questo corso, abbiamo passato un anno infernale lavorando la mattina, facendo il tirocinio nel nostro tempo libero, viaggiando per Parma tutti i giorni e tornando a casa alle 8 di sera con compiti da correggere e compiti assegnati a noi al corso. Ma a metà di questo percorso infernale è stata approvata la 107 che diceva che di ruolo si entrava solo col concorso. Ricordo ancora la faccia dei nostri professori quel giorno…mortificati si scusavano per il governo, per una decisione presa dopo che noi avevamo pagato 3000 euro per partecipare al corso. Abbiamo visto i nostri colleghi delle SSIS entrare di ruolo, tra cui ovviamente Agnese Renzi, con i nostri stessi titoli mentre a noi toccava un concorso ancora.
D: però a noi sembra giusto che facciate un concorso, nel privato si fanno i colloqui.
R: Un concorso, non mille! Vi faccio il paragone…è come se un giorno mettono un annuncio di lavoro in un’azienda e dicono “servono 100 impiegati”, tu ti presenti al colloquio e sei preso, sei uno dei 100. Dopo 6 mesi arriva il tuo capo e dice “ragazzi dal mese prossimo servono solo 50 di voi, gli altri a casa. Entro il mese prossimo dovete sostenere un esame che comprenda tutti gli esami che avete fatto all’università” “ma capo dobbiamo lavorare” “E certo e la notte che c’è a fare? Studiate di notte” così voi lo fate e dopo un mese fate l’esame, lo passate ma non avete diritto al lavoro, no, avete diritto a fare un corso che vi impegnerà così per un anno. Ma alla fine dell’anno siete felici, avete fatto il vostro lavoro, avete sostenuto il corso e nessuno potrà togliervelo. Ma ecco che dopo due giorni torna il capo e vi dice “Tra due mesi ne servono solo 25 di voi, dovete fare un esame che comprenda tutti gli esami dell’università, più tutti gli esami del corso dell’anno scorso…ah e dimenticavo…anche se voi avete fatto tutto questo in italiano, io lo voglio in spagnolo.” Ecco questa è la nostra vita degli ultimi anni.
D: Va bè però lo fate per un lavoro da privilegiati e lavorate per solo 18 ore a settimana!
R: Anche su questo vorrei che si riflettesse. 18 ore sono quelle di lezione diretta, ossia le ore reali che passi in classe, a quelle ci sono da aggiungere un’ora di ricevimento più le varie ore buche per quanto riguarda la mattina. Per i pomeriggi abbiamo normalmente 80 ore all’anno di cui nessuno parla. Vi faccio, poi, un rapido calcolo del tempo speso nei compiti in classe: per regolamento devi fare almeno 6 compiti in classe all’anno, un’insegnante di lingue ha 6 classi, quindi 36 compiti in classe per una media di 25 studenti per classe per un totale di 900 compiti in classe da correggere ogni anno. Senza contare prove di recupero e prove differenziate per bes e dsa. SE mi dessero un ufficio in cui fare queste cose io sarei solo felice. Infatti spesso sono costretta ad andare a scuola nel mio giorno libero per stampare e preparare verifiche, per non parlare di tutti i giorni di scrutionio e consigli in cui entriamo alle 8 del mattino e usciamo alle 8 di sera senza avere pausa pranzo. E calcolando che entriamo alle 8 dovremmo stare a scuola fino alle 16 per fare le 8 ore come tutti. Per me è difficile che io finisca di fare cose per la scuola prima delle 16 ma se mi assicurassero un ufficio col mio pc e una stampante e restare a scuola tutti i giorni dal lunedì al venerdì fino alle 16 io firmerei subito! Purtroppo il nostro lavoro non finisce quando scattano le 8 ore ma quando tutto è pronto per il giorno dopo.
D: Ok ma le ferie?
R: Parliamo anche di questo miti da sfatare. Quante ferie abbiamo! Tre mesi di ferie in estate! Sfatiamo questo mito, prima di tutto abbiamo gli esami di stato, il tutto finisce intorno al 15 luglio e poi abbiamo gli esami di riparazione che ricominciano il 29 agosto, quindi sarebbe un mese e mezzo e non tre mesi. A parte questo vorrei spiegare cosa vuol dire avere le ferie predeterminate da qualcuno. Noi non possiamo andare in ferie in altri periodi, non abbiamo MAI la possibilità di prenderci dei giorni. Questo significa che c’è un evento bellissimo, ho trovato un biglietto in sconto, si sposa mio cugino, non hai ferie. Hai diritto a 6 giorni all’anno che non si sa mai se e come ti vengono concessi. Io ho dovuto litigare per avere un giorno di stop dopo la gita che mi aveva impegnato dalla domenica al venerdì includendo un festivo e un giorno libero. Le segreterie stanno facendo problemi a tutti per il giorno o i giorni del concorso che, ovviamente, il ministero ha messo durante il mese in cui siamo a scuola dalla mattina alla sera. Oltre a ciò noi lavoriamo di sabato, ciò significa non farsi mai un week end, non uscire mai il venerdì sera, non avere mai due giorni di fila per riposare. Non sottovalutate il dimenticare per 9 mesi cos’è il week end. Inoltre vorrei farvi notare che la maggior parte di noi è precaria, quindi non ha ferie estive ma disoccupazione. Io sono precaria da 5 anni ma come avete potuto vedere al concorso c’è gente di 64 anni, persone che le ferie non le hanno mai vissute in vita loro.
D: Però guadagnate all’ora più di chiunque altro
R: Nonostante non mi lamenti dello stipendio di un insegnante, stiamo parlando di 1200 euro, soldi che, tra l’altro, non aumentano mai. Grazie al blocco degli stipendi e alla 107 il nostro stipendio non ha scatti di anzianità per almeno i primi 10 anni, poi aumenta di 60 euro per altri 5 anni. Nessun laureato guadagna così poco. All’inizio forse ma dopo pochi anni guadagneranno molto di più. E all’inizio nessuno di noi ha 18 ore, quindi nessuno di noi guadagna così tanto. Dopo 5 anni di lavoro io guadagno 1200 euro per 8 mesi all’anno e 400 per i restanti 4, per un totale di 11.200 euro l’anno che fanno la bellezza di 933 euro al mese. Straordinari non pagati e nessun bonus. Le sembra che guadagniamo tanto?
D: Ma allora perchè lo fa?
R: Perchè amo il mio lavoro, amo vederli crescere e vorrei essere di ruolo per portarli avanti fino al diploma, per smettere di affezionarmi ogni anni a qualcuno e non vederlo più l’anno dopo. Perchè un grazie di un genitore al ritorno da 7 giorni di gita e responsabilità vale più di una quattordicesima che non ricevo. Perchè un’ora di straordinario non pagata per ascoltare le loro paure non ha prezzo. Perchè non sapete che emozione si prova quando ti dedicano una tesina all’esame di stato. Perchè sentirli cantare in spagnolo l’ultimo giorno di scuola non ha prezzo. E forse non risponderò a delle domande inutili su come faresti una lezione standard a dei robot, forse non saprò come si dice misure compensative in spagnolo, forse non saprò a memoria tutti i livelli del framework internazionale ma è questo che fa un buon insegnante?
Per oggi abbiamo concluso la nostra intervista, restiamo a disposizione per tutti i vostri dubbi e le perplessità sul mondo dell’insegnamento e vi auguriamo un primo maggio, a tutti, ma specialmente a tutti quegli insegnanti che grazie al governo Renzi non avranno nulla da festeggiare.
Ricordatevene alle prossime elezioni.scuola-elementare

Nord sud…ovest est

Standard

L’eterna battaglia tra nord e sud, tra terroni e polentoni, tra emigranti e rimasti a casa mi fa tornare a versare inutili parole in un non ben identificato spazio virtuale. E tutto per colpa di Clementino e di Sanremo. Già, perchè dall’insulsa canzone del rapper stonato è nata una disputa senza fine tra chi al sud non ci vuole tornare e chi ammazzerebbe per una sfogliatella.

Vi riassumo il problema: Clementino, nel suo credersi rapper portatore della voce dei sofferenti, scrive una canzone in cui piange l’essere cantante emigrante e l’essere costretto a cercare il colore laddove non c’è il sole (al nord), poverino ma lui da bambino voleva vedere il cielo ma qui piove e fa tempesta. Eccolo qua, lui, portatore di voce di una generazione che, dopo i comunisti in pantofole, sforna gli emigranti in eurostar.

Sia chiaro, io sono terrona e comunista.Il peggio che possa capitare a una brioche.

Ed ecco lì che si scatena la faida non appena commento sui social che Clementino si poteva pur sta a cas se non gli piaceva il nord. Eccoli lì gli altri emigranti in eurostar ad attaccarmi sostenendo che io, da terrona, dovrei essere concorde con Clementino e cbhe, anzi, offendo il sud.

Io offendo il sud? Da sempre si è sostenuto che chi guarda le situazioni dal di fuori è più obiettivo da chi ci è dentro ma, purtroppo, questa regola non vale se parli del sud. Del sud non si può parlare perchè nell’ordine chi non se n’è andato o chi se n’è andato ma anela un ritorno all’ovile ti dirà: – che sei una persona pessima, che è facile essersene andati mentre loro combattono, che è tutta colpa della camorra, che tu dovresti difendere la tua terra, che sono i polentoni a parlare sempre male dei terroni e tante altre cose di questo genere.

Facciamo un elenco, uno dei miei tanto amati elenchi.

  1. Quelli che denunciano l’evidente facilità dell’essermene andata contro la loro combattiva attitudine a voler cambiare la loro terra. Sinceramente ne conosco ben pochi. Sono cresciuta in una famiglia in cui mia madre e mio padre passavano il loro tempo libero a cercare di salvare il mondo. Lo fanno ancora. Si sono battuti per gli scivoli sui marciapiedi nella nostra cara città di Eboli, mi hanno fatta recitare in un video in cui portavamo cessi rotti al sindaco di tale cittadina denunciando la permanenza di una discarica a cielo aperto in un area formalmente adibita a parco giochi, sono andata in giro per l’Italia con la loro associazione pro bambini disagiati, ho bevuto del te nelle capanne degli immigrati. Celebre fu la frase di mio fratello “Vorrei essere un marocchino per avere le vostre attenzioni” citazione ignara di Almodovar in Tutto su mia madre. I miei genitori, e di conseguenza noi, sono stati additati e a tratti allontanati anche dalla stessa famiglia per la loro attitudine a lottare contro qualsiasi forma di ingiustizia o di rregolarità. Persone straordinarie. Non conosco nessun altro che abbia sacrificato neanche la metà della metà di quello che hanno sacrificato loro per salvare il sud. Non mi risulta che nessuno di quelli che mi accusa di aver scelto la strada più facile si sia trovato di fronte al bivio della difficile scelta tra un futuro tranquillo al nord o una vita da sacrificare alla causa sud. Eppure chiunque sia restato per un qualsiasi motivo che prescinda da qualsiasi volontà di riabilitare il caro e vecchio nome della Campania non fa altro che darsi il merito di averlo fatto.
  2. Quelli che “al nord si sta male”. Si sta male ovunque se non si ha quello che si vuole. La stessa città, in periodi differenti della vita, vi darà sensazioni diverse. Per continuare a citare i miei genitori ricordo di una vacanza a Parigi in cui padre e madre tornavano dopo esserci stati freschi fidanzati. La città dell’amore apparsa ai loro occhi sputare cuoricini dalla torre Eiffel sembrava ora, agli stessi, sporca e con molta meno magia. Non sempre ho amato Bologna con la stessa verve con cui lo faccio ora. Ma ora sono felice, innamorata e soddisfatta e i miei 6 kg in più lo dimostrano ad ogni passo. Nessuno può essere felice in un posto se non è felice a prescindere. Una città va vissuta, affrontata, assaporata. Ricordo mio fratello ai primi anni di università, ci trovavamo entrambi a Napoli e io lo incitavo ad uscire, lui si rifiutava. Uscì due volte e due volte fu rapinato. Promise che non sarebbe mai più uscito. Adesso è ai suoi primi tempi a Milano, gli manca Napoli, la città più bella del mondo, sullo sfondo del pc ha il vesuvio e vorrebbe mangiare sfogliatelle. Ogni posto è bello se abbiamo dele lenti rosse.
  3. Le giustificazioni. Nessuno, o quasi nessuno, del sud ti dirà mai “Beh dai un po’ di colpe le abbiamo anche noi.”. Una conversazione normale è così A: “Va bè ma voi al nord una birra la pagate 5 euro, noi 2!” B: “E’ normale quando sei costretto a fare tutti gli scontrini, ad avere tutto il personale in regola, pagare la SIAE, pagare per il dehor…” A: “Va bè ma che c’entra…una volta sono andato al nord da un medico e non mi ha fatto la ricevuta!” B: “Ma nessuno ha mai detto che qui la fanno tutti ma si parla di percentuali d’evasione.” A: “Ma pensi che sia il baretto di paese ad essere un problema per l’Italia? Il problema è il grande evasore! è l’imprenditore! e l’imprenditore di dov’è? Del nord! Al nord non le pagano le tasse gli imprenditori e poi con chi ce la prendiamo? Col bar al sud che non fa gli scontrini!” Ma tu il tuo dovere civico di chiedere lo scontrino lo fai? Certo che anche al nord non li fanno, certo che ci sono i grandi evasori, gli stessi calciatori e piloti di moto gp che seguite ogni domenica! Ma richiedere lo scontrino vuol dire fare già la metà del proprio dovere. Questo come tante altre cose dal fare il biglietto sull’autobus a non ridere perchè un ragazzo è stato picchiato dai bulletti di Eboli per aver cercato di dire che non potevano buttare un ventilatore nei secchi dell’immondizia normali.
  4. Al nord sono rigidi. E nessuno lo mette in dubbio. L’elasticità mentale non è qualcosa che appartiene al carattere nordico e te lo svela la campagna pro fare i biglietti dell’autobus a Bologna. “è davvero ben scorretto chi non paga il suo biglietto” inneggia un cartello su ogni bus. E, apparentemente, pur di non essere additati come scorretti i nordici obliterano. A me, terrona, la prima volta che l’ho letto mi ha fatto venire voglia di non timbrare e di scrivere “coglioni” sul cartellone. I nordici sono rigidi, se c’è una regola è quella. Non si parcheggia fuori dalle strisce se una ruota spunta fuori…multa e a nulla valgono i tuoi “ma era fuori di 3 centimetri!” era fuori, e al nordico quello basta. So matti, so fusi ma se devo dirla tutta preferisco questa rigidità innata al parcheggio selvaggio al “va buò dai 3 minuti la lascio in seconda fila”, a chi si ferma per strada a salutare l’amico e tu dietro come un idiota. Ma anche questo, so scelte.
  5. Ogni scarrafon è bell a mamma soia. Ovvero, ognuno ha la propria scala di valori. Vi inviterei a riflettere sull’utilizzo della parola “costretto”. Siamo costretti ad andare al nord. Costretti vuol dire che non hai nessun’altra alternativa possibile, vuol dire che se resti hai una bomba che esplode, un serial killer sulle tue tracce, una taglia sulla tua testa. Io, e gli altri emigranti dell’alta velocità, l’abbiamo scelto. Sono sempre stata scettica sul concetto di indice della qualità della vita. Indice secondo chi? Il mio personalissimo indice prevede funzionalità dei mezzi pubblici, efficienza degli uffici, facilità di raggiungere il posto di lavoro, parchi nei dintorni. E per questo, dopo un’attenta analisi, ho scelto Bologna. E ho deciso che fosse la mia città e comprato casa prima di incontrare l’amore e senza avere certezze lavorative. Per me questa è casa, ora più che mai e sarei disposta a lavare cessi pur di restare nella città che amo accanto alle persone che amo. Ma se nella vostra classifica conta più il sole, il mare e la sfogliatella fatevi due conti. A volte bisogna rinunciare a qualcosa, alla città, al lavoro dei sogni…rinunciate a ciò che vi pesa meno per far si che la vostra vita sia il più simile possibile a quella che avete sempre desiderato.
  6. Due pesi due misure. Se Clementino dice “lì piove sempre e non  c’è il sole” non è un’offesa ma un dato di fatto. Se un polentone risponde “lì c’è l’immondizia per strada” è un’incredibile attacco e offesa e non si deve permettere. Il terrone ha come indole quella di giustificare le parole in quanto generalizzazione e in quanto “noi siamo a cumpagnon, non non offendiamo, scherziamo.”

Miei cari amici, parenti e conterranei, io vorrei tanto che voi vedeste quello che vedo io. Io vedo una terra che non aveva niente di più della terra che difendete così a spada tratta, nè più nè meno, che ha raggiunto dei traguardi. E certo mai potranno avere il sole e il mare, e certo mai potranno avere inverni miti e estati infinite ma voi, invece, potreste averlo quello che hanno loro e non lo avete. E non date la colpa sempre e solo agli altri, al destino, alla politica e alla camorra. Prendetevi qualche responsabilità, chiedete gli scontrini, obliterate i biglietti, smettete di guardare “Il boss delle cerimonie” e scrivete mille lettere a Real Time per denunciare l’infinito e patetico clichet che si dà del sud. Scegliete dove volete viere, scegliete cosa sacrificare nella vita, liberatevi dei preconcetti, sentitevi eroi solo quando lo siete, rifiutate lavori aggratis anche in cambio di punti a scuola, non andate in affitto a nero. E se siete “costretti” ad andarvene al nord sorridete, perchè ogni posto è accogliente se sorridete, ogni città vi offre qualcosa se lo cercate ma da nessuna parte del mondo le cose vi cadranno tra le mani mentre brontolate che è tutto una merda.

E certo che gli imbroglioni ci sono anche al nord ma questo non vi dà una giustificazione all’esserlo anche voi. D’altronde le persone più integerrime mai conosciute sono i miei genitori, nate e cresciute al sud. Che vi siano d’esempio.

 

 

Su su su!

Standard
Su su su!

E’ un sacco che non scrivo e sono costernata! Purtroppo credo di aver perso, almeno momentaneamente la mia verve sarcastica/aggressiva/strafottente/stronzetta…e infatti eccomi qua a scrivere un pezzo sull’ottimismo anziché insultare ignare passanti coi leggings a fiorellini.

Ieri sera sono stata a vedere l’ennesimo concerto di Cesare Cremonini, tra un po’ mi aspetto un cd gratis per devozione, e devo dire che, come sempre, è l’unica cosa che mi mette di buon umore più di guardare Inside Out!

Che cos’hanno in comune Cremonini e Inside Out? Ve lo spiego subito… Sul nuovo cartone animato della Pixar ne ho lette un sacco…che vuol dire che qualcuno ci comanda, che non abbiamo il libero arbitrio e minchiate varie che mi fanno capire come sono circondata da gente con due neuroni…ma de che stamo a parlà? Chi comanda? Comandano le emozioni! Eggià mi pare ovvio che lo facciano. Il messaggio del film intero era proprio quello: lo stesso accadimento nell’arco della vita può essere interpretato in varie maniere a seconda dell’emozione predominante. Siamo noi a decidere come vedere le cose, siamo noi a scegliere se il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto, è il nostro stato d’animo predominante che decide l’importanza da dare a ciò che ci succede…se sono in una fase allegra della mia vita, una fase in cui Gioia è lì a fare tutti i suoi ballettini nel suo meraviglioso abitino verde, sarà difficile che qualcosa mi toccherà…mi si rompe un tubicino della macchina la porto dal meccanico si accorge che non ho fatto la revisione, meno male che l’ho portata dal meccanico per questa bazzecola così si è accorto di tutto ciò che non andava; mi viene la febbre, ottimo, mi rilasso due giorni e mangio un po’ di più così alzo le difese immunitarie; non mi arriva lo stipendo, meno male che ho fatto la formichina e mi sono messa dei soldi da parte!

Ma se, per caso, c’è tristezza al comando del mixer ecco che nascono le tragedie greche….mi si è rotta la macchina, stavo per andare a fuoco per strada, sai? senza acqua nel radiatore, sarei potuta morire da un momento all’altro…e poi, come se non bastasse essere scampata alla morte così, un po’ per caso, la porto dal meccanico e scopre che non avevo fatto neanche la revisione! Ti rendi conto? Avrebbero potuto arrestarmi…o arrestarmi mentre andavo a fuoco… e ho speso 200 euro! 200 euro che si vanno a sommare ai soldi delle medicine di questa settimana…eh sì…guarda una cosa incredibile, ho avuto anche la febbre! Inspiegabile! Sì…tutto in contemporanea…e quando succede tutto ciò? Quando non ho ancora avuto neanche lo stipendio! No, neanche un euro ho visto! Da settembre…e mi succede tutto ciò! Tutte a me capitano! Che altro deve succedermi? Sono pronta a tutto ormai! Oddio scusami devo lasciarti mi si è rotta un unghia…te l’avevo detto! Tutto a me succede!

Il successo della Pixar, ad ogni modo, non voleva dirci che la tristezza non esiste o che è un sentimento inutile, anzi, ci sottolineava come la tristezza fosse il sentimento che ci serve, a volte, per far si che da parte degli altri ci sia comprensione, comprensione che ci porterà gioia e che ci farà dimenticare la tristezza; ci insegna che tristezza, a volte, serve a farci sfogare in modo da ripartire ancora più carichi di energia dopo un bel pianto; ci mostra che tristezza, a volte, insieme a gioia, crea malinconia, che non è poi un sentimento negativo ma un sentimento che ci fa sorridere nonostante il velo di tristezza che si porta dietro. Tristezza a volte, e sottolineo, a volte, è utile a farci andare avanti.

E Cesarone nazionale dove lo collochiamo in questo quadro? Se nel cartone animato erano presenti solo i sentimenti base, ovviamente, c’è un sentimento che, nella mia vita e nella mia tavolozza dei sentimenti si crea spessissimo e che è sarcamo autoironico e capacità di sfanculare persone e fatti. E questo è ciò che trovo nelle canzoni di Cremonini….oh come sono triste, mi hai lasciato, non è più domenica, non si dimentica, la casa è buia e desolata, il tempo che davo all’amore lo tengo solo per me…ma vafanculo mi sto abboffann e marmellata, quella che mi nascondevi tu, stronza! oh che depressione, ho scoperto che non mi ami e le tue parole fanno male, tu mi attacchi io resto zitto come un coglione e tu sei sempre più stata forte di me ma guarda che lo so che soffri anche tu, le tue labbra stanno male, non hanno labbra da mangiare…però sai che ti dico? Se due lunghe e romantiche vite devono essere divise da qualcosa sai da che lo sono? Da queste rime! Ti sfanculo io mica tu?! Sono le 6 e 26, non dormo, soffro, sono così depresso che esco a bere, i bar sono chiusi e parlo con una puttana e lei sembra più felice di me…ma quanto sono sfigato? eh mi spiace ma Dio non c’è per occuparsi di noi…poveri sfigati insieme….però sai cosa…forse Dio c’ha ragione…è troppo occupato a dar vita a uno stagno e forza a un oceano…mica può pensare alle cazzate nostre?

Risultati immagini per più che logico tour

Ovviamente questa sarà la mia interpretazione dei suoi pezzi perchè in me gioia e tristezza, quando si fondono, creano sfanculamento. Ma non è questa la cosa fondamentale. Che tu sia figlio di un re o capo di stato, uomo, donna, frocio, Lucio Dalla o Sinatra, l’importante è che gioia e tristezza creino qualcosa di nuovo. Finchè si ha la salute si ha tutto, dicevano i vecchi. E non a caso quelli so vecchi perchè hanno più esperienza degli altri, quelli lo sanno, quelli hanno vissuto cose per cui essere veramente tristi. Quelli hanno affrontato la guerra, hanno visto i figli morire, altri figli ammalarsi, persone sopravvivere a tumori, altre morirne, hanno patito la fame, hanno seppellito gli amici, hanno perso il lavoro, hanno visto i giovani disoccupati, li hanno aiutati a mettere un piatto a tavola. Hai la salute? E che vuoi allora?! Alzati, crea qualcosa, fai sì che gioia e tristezza si diano il cinque e inventa un’emozione nuova. Che sia sarcasmo, che sia forza, che sia stronzaggine ma che sia qualcosa, perchè senza quel qualcosa non c’è forza propulsiva e senza forza propulsiva non si va avanti. E lo sapeva bene Bingbong col suo razzo.

Non importa quale canzone canti, ma canta. Non aspettare che qualcuno ti spinga. Solo l’invenzione del propulsore ci renderà liberi.

Torneremo liberi…ma liberi da che…..

La riforma spiegata a un bambino (o a un coglione del PD)

Standard

La riforma spiegata a un bambino (o a un coglione che vota PD).


Ritengo doveroso dover spiegare la riforma perchè mi sa che solo il 10% della popolazione l’ha capita. Lo farò usando un linguaggio “terra-terra”, semplice, con parole corte, in modo che tutti, anche voi del PD, possiate capire, e sarò scurrile, perchè il caso lo richiede.

Riassumiamo la riforma dell’ottima scuola del coglioncello Renzi in 10 punti
1) Il superpreside: il preside sceglie gli insegnanti. Questo, secondo il coglioncello, significa che verificano la loro bravura. Non si sa in base a cosa…si farà fare una lezione da ognuno per capire come spiegano…o forse si farà fare un pompino, cosa che risulta più rapida ed efficace. Quindi dall’anno prossimo io avrò sempre un sacco di cose da chiedere in Presidenza e lo farò in tacco 12 e facendo vedere le tette. Perchè sono proprio una buona insegnante e glielo dimostrerò!

2) Assunzioni da curriculum. Cioè secondo lui il superpreside (che avrà una maglia con scritto SP) farà dei colloqui. E cosa chiederà ad un insegnante? SP”Ha esperienza?” I”Sì, sono quattro anni che insegno.” SP”Ah, solo quattro? Scusi c’è uno che insegnava da cinque fuori…” Ma se è così cosa cambia rispetto alle graduatorie?

3) Abolizione delle fasce. Abolire le fasce non vuol dire eliminare il precariato. Così è praticamente come spararci e dire che non ci sono più precari. Allora ditelo, dateci un’arma a testa e ci ammaziamo per i posti di lavoro. Io ci sto.

4) TFA. Il TFA (Truffa Fortemente Autorizzata) perderà di qualsiasi valore. Ah no…possiamo partecipare al concorso. Cioè abbiamo fatto un concorso (diviso in tre prove) per poter accedere a un altro concorso. Neanche alla NASA.

5) Il concorso. Al concorso potranno accedere SOLO gli abilitati (cioè quei coglioni che, come me, dopo un’estenuante selezione hanno sopportato un anno d’inferno e hanno sborsato 3000 euro) e i diplomati magistrale. Bella roba.

6) Assunzioni. Grossa presa in giro. Ci sono 100mila posti vacanti e 100mila precari. A Renzi nessuno ha spiegato che esistono le CDC e non è detto che in ogni CDC ci sia quel numero di precari. Vi spiego meglio…nella mia cdc (spagnolo) non c’è nessuno di quelli da assumere secondo le loro regole, quindi? Che si fa?

7) Classi affini. Per risolvere il punto 6 quel genietto del ministro ha ben pensato di fare sta cosa…assunzioni da classi affini. Ossia un abilitato il inglese va a insegnare spagnolo, un abilitato in matematica va a insegnare fisica. Cioè avete rotto il cazzo fino a tre mesi fa che senza preparazione e TFA non eravamo degni di insegnare e mo ci assumete su una cdc di cui non ne sappiamo nulla? Mi auguro di non essere mai l’insegnante di inglese dei vostri figli perchè sono 8 anni che non parlo inglese potrei insegnargli solo The pen is on the table.

8) Finanziamenti alla scuola privata. Non ci sono soldi per assumere ma diamo una barca di milioni di euro alle private così i figli dei ricchi, che decidono che non possono andare a scuola con quella plebaglia dei vostri figli, pagano meno. Bravi, andate allo specchio e fatevi un applauso.

9) Privati che finanziano le scuole pubbliche. Così sarà la scuola delle diseguaglianze. Gli sponsor dove spenderanno? Nelle scuole che già stanno bene e dove fare sponsor ha un ritorno economico, o nella scuola di provincia, disagiata e senza carta per le fotocopie?

10) Acrostici. TFA. Tutti i Frutti Alllalà. Topolino Falsificava Assegni. Tutti Fann Ammor. Truffa Fortemente Autorizzata. Tutti Fuori Allarme. Tanti Fottuti Analfabeti. PD. Poveri Dementi. Pezzi Dimmerda. Porco D.

E niente volevo dirvelo. Così. La scuola è morta.

Amen.

Tfa Parma

Standard

Buona domenica! Oggi voglio condividere un post, o meglio un blog, per dare voce a chi sta facendo il TFA e non viene ascoltato da nessuno. Nessun giornale vi parlerà di questo, nessun telegiornale. Renzi e i suoi amichetti fanno passare questi corsi come un qualcosa di incredibilmente importante e indispensabile nella formazione del docente ma…leggete questi racconti. Renzi promuove #labuonascuola, i tg e i giornali non raccontano cos’è, non raccontano cosa succederà ai docenti. Nè raccontano cosa già sta succedendo.

Ma viviamo in dittatura, l’ho sempre pensato. Quindi oggi faccio girare per liberarci da questa dittatura mediatica e dare voce a chi non viene ascoltato da nessuno.

Leggete e fate girare.

tfaraccontidiunincubo

Squilla il telefono. E’ mamma. Sono le 8 del mattino. Cosa vuole?

“Ciao…” “C’è un secondo ciclo di TFA!!!”. Sembra abbia vinto la coppa dei campioni. “Mamma non capisco, mi sono appena svegliata, che vaneggi?” “Hanno appena dato la notizia al tg, parte un secondo ciclo di TFA, mettiti a studiare subito! Licenziati, fai tutto, è l’occasione della tua vita.”

Giugno. Caldo. Bologna. Feltrinelli. Compro i libri. Mi chiudo in casa.

Luglio. Test preselettivo. Cento euro. Passo. Incredula.

Agosto. News, per spagnolo sarà a Parma e non a Bologna. Geniali ma fa nulla, ci provo. Estate. Non per me. Studio.

Ottobre. Seconda prova. Cento euro. Incomprensibile. Ho studiato letteratura per mesi e non ci chiedono nulla di letteratura. Ho sprecato un’estate. Bestemmio. Rispondo. Passo.

Novembre. Terza prova. Entra il primo “Non fanno domande”, “In che senso?”, “Non so in base a cosa diano il voto…nessuno fa domande, ti fanno solo…

View original post 597 altre parole

Tra il fare e l’essere

Standard

Premessa. Avevo intenzione di scrivere un post divertente sulle 10 ragioni per farsi la frangia ma una discussione avuta ieri con un mio amico mi ha ispirata un post più riflessivo. Come direbbero le mie compari Stefy e Cate “non è nè positivo nè negativo, ma interlocutorio”. Veniamo al discorso serio. Il tutto è partito dal parlare di amore…ovviamente.

Discutendo sulla possibilità di avere un toy boy e il mio declinare l’invito in quanto un toy boy sarebbe un mio alunno, cosa che mi metterebbe in una posizione scomoda, il mio amico mi risponde “vedrai tra 10 anni, quando sarai una bella divorziata” e allora mi sono chiesta…ma non posso avere una bella storia ed essere come mia madre e mio padre che, a un mese dai 32 anni di matrimonio, si svegliano a vicenda con caffè a letto e canzoni con la chitarra? Da qui una riflessione sul perchè, al giorno d’oggi, tale avvenimento viene visto come una chimera o un fatto raro. Effettivamente è raro ma la mia domanda è “perchè?”

Io a tutte ste storie che è perchè le donne sono molto più mignotte inside e la danno via come se fosse di qualcun altro non ci credo molto. Cioè è vero che oggi costa di più un kilo di pane ma non credo sia fondamentale…mi chiedo…non abbiamo forse smesso di cercare chi siamo e guardiamo di più a cosa facciamo?

Mi spiego meglio. Nella nostra società piena di insicurezze, dubbi e precariato colmiamo questi vuoti con mille cose da fare sin da piccoli…bambini che fanno calcio, karate, tennis e d’estate campi estivi (aggiungerei che questo avviene più al nord che al sud ma risulterei razzista ;)) ed eccoli diventare adulti che fanno comunque mille cose. Quando si fermano questi adulti? Mai! Eccert nella vita ci sono sempre mille cose interessanti da fare, io vorrei imparare il francese ad esempio, solo per non sembrare Ratatouille ogni volta che leggo un titolo in  quella strana lingua parlata con la bocca a culo di gallina, vorrei fare arrampicata, giusto per vedere dopo quanti mesi arrivo a mezzo metro da terra e sopratutto vorrei giocare a tennis solo per mettere uno di quei fantastici vestitini…per non parlare del pattinaggio artistico per gli stessi motivi!

Ma facendo questo milione di cose, mi domando, non ci perdiamo lo stare con noi stessi e conoscerci? In fondo per conoscere qualcun altro devi passare del tempo con lui/lei e allora perchè non passiamo del tempo con noi stessi? Finiamo per essere cosa facciamo ma non chi siamo. E ci innamoriamo delle cose che fa l’altro e non di chi è. E così un giorno ti molli, senza apparente motivo, e la frase che si ripete è “mi sembra di non conoscerlo più” ma forse la domanda a monte sarebbe “l’hai mai conosciuto?”.

Luca, il mio amico, continuava ad insistere che tu sei un puzzle di quello che fai. Io però non credo proprio. Certo io sono un’insegnante, sono una che balla, sono una che scrive un blog e sono una che sta girando una web serie. Ma queste cose sono poi così fondamentali nella descrizione del mio io? E se un giorno smettessi di farle? Potrei innamorarmi di qualcuno che abita lontano e lasciare la scuola di danza e la serie, potrei avere un figlio e non lavorare per un po’. E cosa succederebbe in quel momento? Non sarei più io? Le cose che faccio possono far capire qualcosa su chi sono ma non possono essere me.

E forse se ci avessi pensato prima, a conoscermi e a conoscere le persone con cui stavo, non sarebbero andate così di merda le mie storie. O forse non sarebbero partite proprio! Pensate che sono stata tre anni col mio fidanzato storico, ci ho vissuto insieme e ho scoperto dopo anni che ci eravamo mollati che era geloso (e il mio lavorare in discoteca non aiutava!). Certo sapevo cosa faceva, sapevo chi era in relazione a ciò che faceva ma non sapevo che fosse geloso! Magari se avessi saputo che era uno che se gli piaceva un’altra mollava  tutto senza pensare e senza capire cosa non andava con me non mi sarei ritrovata dall’oggi al domani con 20 scatoloni pieni dela mia vita per strada. Magari se lui avesse saputo che io ero una che voleva sposarsi e sfornare una 15ina di bambini non sarebbe mai stato con me. Ma io sapevo cosa faceva e non chi era. E lui sapeva che facevo e non chi ero. E forse io non sapevo chi ero. E forse lui non sapeva chi era.

Ma quando ce ne andiamo quello che resta di noi, se qualcosa resta, è chi eravamo non cosa facevamo. Come molti di voi sanno ho perso il mio migliore amico un anno e mezzo fa. Spesso parliamo di lui e il ricordo di lui è di chi era non di cosa facesse. Certo se raccontiamo un aneddoto possiamo dire che era un organizzatore eventi, posiamo dire che era una promessa del tennis finchè non si è innamorato della cantante dei Prozac+ e l’ha seguita in tournee ma non è quello che resta, resta ricordare che era una persona che sapeva come tirarti su sempre, che metteva gli amici al primo posto, che non si scomponeva mai neanche quando gli facevamo credere che gli avessero rubato la macchina, che era la persona che sapeva sempre come farti ridere.

Nessuno si ricorda cosa fai ma tutti si ricordano di chi sei. E forse se imparassimo a conoscerci potremmo tornare ad innamorarci delle anime e non delle persone. E ci sarebbero più matrimoni, meno divorzi, più gioia, meno gente che va dallo psicoterapeuta. E camineremmo mano nella mano fino a 80 anni. E più gente che si ricorderà di noi. Sempre e per sempre. E forse, come dice il mio poeta preferito, dovremmo ricordarci di parlare di amare e non di amore, di vivere e non di vita.

Tra fare ed essere c’è di mezzo il mare.