Donne del sud, piccolo manuale d’uso per uomini del nord

Standard

Premessa: il seguente articolo è scritto per ridere e non per fare un case study sociologico sulle persone, non ha nessuna pretesa scientifica né vuole darvi lezioni. Insomma l’ho scritt pe parià, quindi o pariate pure voi o non leggetelo.

Dopo anni di nord e analisi strutturale delle maggiori differenze tra noi caldi terroni e gli algidi polentoni sono finalmente giunta a capire le loro strutture mentali contorte e a barcamenarmi tra il loro e il mio senso dell’educazione primaria e seondaria. Resta però un qualcosa di insormontabile più della muraglia cinese: l’incontro tra donna del sud e uomo del nord. Chiacchierando con una mia amica polentona e spiegandole quello che, secondo il mio folle punto di vista è l’approccio tra uomo e donna sono giunta alla conclusione che vadano illustrati agli uomini nordici i punti per affrontare l’avvicinamento ad una donna del sud.

1) L’approccio. La donna del sud è abituata ad un approccio diretto e intenso. Messagini di approccio soft, inviti a gelati e avvicinamenti alternati al tirarsi indietro non sono apprezzati. Il tutto si riassume, per lei in “vott a pretell e nasconn a manell” (traduzione per i non napoletanoablanti “butta la pietra e nasconde la mano). Tale approccio non solo non viene apprezzato ma turba in quanto si ruba il ruolo che è, in realtà della donna.

2) L’insostenibile leggerezza del no. Se una donna del sud vi dice no, non sempre vuol dire no. Capiamoci…non intendo che se alla domanda “vuoi fare sesso con me?” vi risponde no vuol dire sì ma che ad affermazioni del tipo “Se hai bisogno vengo in tuo soccorso”, “Se vuoi ci sono”, la donna del sud risponderà indubbiamente “ma no, figurati”, quel no non vuol dire no,  “se me lo dici in un altro modo è un sì”, “se me lo richiedi inizio a cedere”. Il tutto riassumibile in “so femmina me’a prià” (traduzione per i non napoletanoablanti “sono femmina mi devi pregare).

3) L’insostenibile leggerezza del se. E qui ci ricolleghiamo al punto di cui sopra. La donna del sud risponde no ai punti di cui sopra perchè non è abituata a sentirsi dire “se”, non esistono se, sei in difficoltà? Ci penso io. Hai bisogno? Ci sono io. Non c’è il dubbio che questa cosa possa offendere perchè non offende, fa sentire donne. Il tutto riassumibile nell’espressione “fa l’omm!” (traduzione per i non napoletanoablanti “fai l’uomo”)

4) Parità dei sessi vs perdita della cavalleria. La risposta al 90% delle affermazioni di cui sopra viene vista, al nord, come una mancata messa in pratica della parità dei sessi. La stessa viene, però, affrontata dal terrone medio in maniera diversa. Io, come donna, ho si chiesto che ci fosse parità ma non per questo che voi smetiate di essere cavalieri. Tanto, ragazze, parliamoci chiaro la parità non ci sarà mai per una questione proprio fisica, allora io devo lavorare-pulirecasa-farelaspesa-avereilciclo-sfornarefigli-allattarefigli-faresessoconmiomarito e non posso neanche pretendere cavalleria? Il tutto riassumibile nell’affermazione “ma ra chi obbuo’?” (traduzione per i non napoletanoablanti “Ma da chi lo vuoi?” spiegazione sono molto spiacente ma dovrai trovare quache altra persona che sia disposta a fare ciò)

5) L’importanza della figaggine. Essere fighi, per la donna del sud, non basta, anzi, lo trova quasi inutile. E lo dice un’esteta. Sei figo e pensi che io, donna, ti stia dietro? Vai a fare la principessa Sissi da qualche altra parte, qua, se c’è una principessa, quella sono io e nessun altro. LO stesso valga per le donne, perchè se quella del nord punta sull’andare in palestra a fare 10 corsi al giorno per essere figa, quella del sud, dopo il lavoro, sforna dolci caldi la domenica mattina, cucina per un esercito e stira cantando, è parte del nostro DNA. Il tutto riassumibile nel detto “Ca si bell mo facc a bror” (traduzione per i non napoletanoablanti “Che sei bello me lo faccio a brodo” spiegazione la bellezza vale come il brodo, te lo mangi quando sei malato)

6) La sottilissima arte del flirtare. Una donna del sud non fa mai capire se le piaci o no. Non si espone, non si sbilancia, al massimo ti guarda. “Una come te, non si avvicina per ballare, guarda da lontano” scrive il mio poeta preferito. E infatti parla di una donna marocchina…più terrona di lei…la donna del sud ti lancia uno sguardo poi sei tu che devi sbatterti. Infondo tesoro mio…siamo noi ad avere il potere (in questo caso il potere è sinonimo di altro). La donna, al sud, è il valore aggiunto dell’uomo, è quella che gli semplifica la vita. L’uomo c’è nei momenti di difficoltà ma la donna c’è sempre. L’uomo, al sud, sa capire uno sguardo. Concetto riassumibile nel detto tipico “O’ figl mut o capisc’ a mamm” (traduzione per i non napoletanoablanti “il figlio muto lo capisce la mamma”)

7) Offrire. Sul fatto che i nordici siano più tirchi, non ci piove. E questo diventa spesso un problema. Non stiamo parlando di pagare sempre, non stiamo parlando di cene al Gambero Rosso tutte le sere, no, parliamo della prima sera, delle prime due và…dei compleanni e degli anniversari. L’uomo deve offrire. Non ci sono cazzi (in tutti i sensi) che tengano. La questione non è economica, quello di cui parliamo è che IO, donna, ti sto concedendo l’onore della mia delicata presenza come tua commensale, il MI-NI-MO, è che tu offra. Perchè se arriviamo al ristorante e mi fai pagare, o non prendi una bottiglia di vino “e cacat for ra tazz”! (traduzione per i non napoletanoablanti “hai cagato fuori dalla tazza” spiegazione hai già sbagliato.)

8) Dire, fare, baciare. “Baciala” cantavano i granchietti e i pesciolini de La Sirenetta, ecco, gli uomini del nord dovrebbero andare in giro con questa nelle orecchie. Caro uomo del nord, la donna del sud non farà mai la prima mossa, e neanche la seconda o la terza. La donna del sud è abituata a uomini che ci provano diretti dopo cinque minuti. E poi, lasciatevelo dire, ma dopo tutto quello di cui sopra avrete capito che il solo rivolgervi la parola, il solo rispondere a un sms, il solo avere un momento di contatto fisico, dovrebbe farvi capire che lei ci sta pensando. E senza neanche baciarla come potete mai capire se c’è qualcosa o meno?Ma l’uomo del nord non fa quasi mai il primo passo.Allora, cari miei uomini del nord, mentre voi state lì a pensare “mah, forse, boh ma non sono uno che si sbatte per una donna” e nel frattempo arriva uno del sud e zaaaac! Il tutto riconducibile all’espressione “è fridd e chiammat” (traduzione per i non napoletanoablanti “è freddo di chiamata” spiegazione è come l’ascensore che tu lo chiami e quello ci mette troppo tempo per arivare…ma a una certa ti rompi il cazzo e ti fai le scale).

Cari polentini, spero di essere stata utile e di aver reso l’idea.

Provateci, applicate le mie dritte e poi fatemi sapere.

Se limonate, mi dovete un drink.

Annunci

»

  1. Io donna del nord devo dire che preferisco la versione del sud… dovrebbe essere così anche da noi. E difatti il calabrese conosciuto a capodanno, dopo cinque minuti già ci provava. … soddisfazione avere un po di calore immersa nel freddo del nord! Ovviamente non ho ceduto, dop due giorni tornava dall altra parte d Italia. .. però ho un bel ricordo del primo dell anno!

  2. Il problema, è che noi del nord (almeno personalmente) siamo abituati alle donne del nord, che sono meno “donne” di una volta e più votate alla carriera e all’estetica.
    Puntano prima di tutto all’aspetto esteriore, preselezionando i propri pretendenti.
    Le donne del sud sono più aperte, calorose e meno “‘so figa” (eccezioni ci son sempre ovvio).
    E’ anche per quello che stranieri e uomini del sud sono quelli più spudorati e diretti verso le donne.

    Sono due approcci diversi, per due culture molto diverse.

  3. come cita il maestro Darwin” chi non si adatta si estingue”: sei al nord e adattati all’ approccio del Nord! è come chiedere crema contro le scottature in Ghana
    io se una non mi risponde a un sms o un what up mollo il colpo: chiedere è lecito, rispondere è cortesia 🙂
    cmq le ragazze del Sud se la tirano di meno! è vero

  4. Concordo su tutta la linea, in particolare sul “fridd e’chiammat”. Abito a Bologna da quasi dieci anni e per fortuna non ci sono venuta da single…sarei rimasta tale, dato che i maschi di qui non li capisco proprio!

  5. mah …non saprei …io credo che generalizzare è sempre sbagliato ..sinceramente parlando anche io fino a pochi mesi fa ero di questa opinione ma poi ho conosciuto un ragazzo piemontese..quindi NORD NORD….e la mia opinione a riguardo è cambiata.Certo non posso dire che soddisfa tutti i punti della lista ..ma credo che indipendentemente dalla regione di appartenenza nessun UOMO sia in grado di farlo… è carino, gentile,ironico, educato,sensibile e terribilmente sexy….certo non sarà un uomo del SUD …ma forse è anche meglio 😉

  6. Sono una ragazza settentrionale (da generazioni secolari) e adesso ho capito perché un ragazzo del sud era convinto che il mio ”no” significasse ”sì”. Mi ha detto che pensava volessi fare la preziosa. Ma io sono molto sincera, e pur rispettando la sensibilità di tutti (non ho mai rifiutato un ragazzo con atteggiamenti da presuntuosa, arrogante e maleducata), se non mi interessi te lo dico subito.
    Ho sempre avuto molto successo con i ragazzi e con me, sia uomini del nord che del sud ci hanno sempre provato dopo 5 minuti…!
    A chi ha detto che noi settentrionali siamo pretenziose…io sono di bell’aspetto e posso permettermi di avere un partner adeguato. Ho sempre selezionato i miei pretendenti e sono felicemente sposata con un uomo settentrionale attraente, simpatico, in gamba, che amo ogni giorno di più. Non capisco perché avrei dovuto accontentarmi. Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...