L’importanza di essere enta

Immagine

Ebbene sì…sono arrivata a 30 anche io. Tre giorni di festa e molte più difficoltà a riprendersi dall’hangover di quando ne avevo 25 ma non da quando ne avevo 29.

Immagine

Passato il santo passata la festa oggi pulizie e chiacchiere con le amiche lontane, in particolare con una, lontana da tanto, vicina da sempre. Nei nostri sfoghi quotidiani il dramma di ogni 30enne come noi (cioè alla fine dei conti io, lei e Cremonini) essere single. “Il dramma non è tanto esserlo ma le 150 amiche fidanzate”, aggiunge la mia amica. Il dramma è l’esistenza del tavolo dei single ai matrimoni a cui inizi ad andare a 30 anni, e se facessero il tavolo dei grassi? o il tavolo dei biondi? (se lo fate posso essere messa al secondo?!), a 30 anni, single, inizi ad essere ghettizzata, quello è il vero problema.

Allora le ho promesso che le avrei scritto “piccolo manuale per trovare un uomo senza cercarlo – che se lo cerchi ti arrivano solo delle merde”. A 30 anni non si cerca più, si elimina. Non si spreca tempo di uscire con qualcuno con cui si parte già con dei boh, mah, vediamo, non ci basta più l’amore perchè sai che non è eterno, non ci basta più il mi piace perchè da piccola non mi piaceva il pesce ma ora mangerei sushi tutti i giorni. A 30 anni basta una piccola cosa sbagliata per essere depennati dalla lista dei papabili/palpabili. Vediamo cosa insegnano 30 anni di errori…

1) No uomini con un lavoro “inferiore” al tuo. A noi donne non importa assolutamente del lavoro che si fa ma l’uomo ha la necessità di sentirsi uomo alfa, l’uomo delle caverne che ci porta il cibo. E per quanto possa dire che non gli importa, che è tanto orgoglioso della sua donnina e che è felice del vostro successo e del vostro stipendio, sappiate che nel suo subconscio il tarlo è lì che cresce come un tumore, piano piano finchè un giorno attuerà una delle seguenti tattiche: A) inizierà ad essere distante, a dire che le serate con i vostri amici sono noiose, che i film che proponete non gli piacciono, se gli chiedete cos’ha dirà nulla finchè non vi costringerà a mollarlo esauste, B) si troverà un’altra senza dirvi nulla, qualcuna che sia più manipolabile di voi, qualcuna che lo faccia sentire intelligente e sicuro di sé. Perchè il povero uomo non riesce ad accettare l’evoluzione nonostante correva l’anno 2014. Quindi eliminate. Baciare un ranocchio non lo trasformerà in principe.

2) No ai ragazzi più piccoli. Non è una questione di essere antichi, è una questione genetica: a un certo punto, noi, vorremmo avere un figlio. E credo che sia proprio la procreazione che non ci rende legate al lavoro…mie care donne potete fare quello che volete nella vita, voi potete creare la vita e in fondo lo sapete che per quanto non si possa rispondere alla domanda “A chi vuoi bene di più a mamma o a papà?” la mamma è sempre la mamma! E non rispondete che voi non volete figli perchè per quanto il solo pensiero del pancione mi dà i brividi ma l’unica donna che non vuole davvero figli è Cristina Yang. Embè? direte voi…non lo puoi fare un figlio con uno più piccolo? certo ma o lui è vecchio dentro o quando lui li vorrà voi non potrete più dargliene perchè se avete 30 anni non ve ne restano tantissimi a meno che non siate Carmen Russo o non abbiate i suoi soldi per le cure! E per quanto non ci pensiate ora Cristina Yang ci ha dimostrato che a un certo punto è l’uomo che vuole bambini (eccert mica deve partorirlo lui!), nel 90% dei casi perchè non vede l’ora di essere autorizzato a giocare alla playstation e a guardare i cartoni animati senza che voi gli diciate cresci! Quindi delete.

3) Mogli e buoi dei paesi tuoi. Bellissime le differenze culturali e i figli misti ma volete mettere una bella litigata nella vostra lingua o nel vostro dialetto? E non pensate alle vacanze? non ne avrete più…ferie sarà uguale a tornare a casa mia o a casa tua…niente più agognate seychelles, niente più karaoke con Gigi D’Alessio…no non posso sopportare questo!

Però, mia cara amica lontana, a parte le minchiate che sparo a 30 anni come facevo a 20 c’è qualcuno di cui davvero diffidare e questo compleanno me ne ha dato l’ennesima prova….cancella assolutamente chi non ha amici. Perchè se è difficile avere un fidanzato è molto più difficile avere amici. E per amici non intendo conoscere gente, salutare persone per strada e bersi una birra tutte le sere….per avere amici intendo avere qualcuno che sa che a tre anni come a 30 vuoi una bicicletta….

10151373_10203265035137515_1074382592_n

amici che si vestono da Hologram solo per farti contenta, amici che sanno che grappa bevi senza chiedertelo, amici che li senti ogni giorno e sembra non sentirsi da un mese, amici che diventano la tua famiglia, amici che sanno ogni tuo segreto più nascosto anche se sono a mille chilometri di distanza.

1458572_10203265041497674_1172894347_n

 

Questi amici sono centomila volte meglio di qualsiasi fidanzato. Elimina, cancella, brucia vivo chi non li ha, perchè se non sei fidanzata puoi essere stata sfigata nella vita, aver cercato e trovato merde, aver avuto la sindrome della crocerossina, essere uscita con i casi umani, aver sperato di cambiare la gente, aver cambiato la vita alla gente che ha apprezzato e voltato le spalle….ma se non hai amici, non esisti, non sei nessuno.

Un brindisi ai miei 30 anni, un brindisi ai miei meravigliosi amici.

 

 

PS a parte il momento post sdolcinato aggiungerei

4) quelli che ti dicono “io non sono stronzo” e/o “non sono come tutti gli altri”

5) quelli che vivono ancora con la mamma, hai 30 anni se esci col fidanzatino come a 15 sei una sfigata!

6) quelli con famiglie problematiche che poi non ne vorranno mai una e non crederanno mai nel per sempre

7) quelli con gli occhi azzurri che sono dei noti bugiardi (ma è più forte di me!!!)

Annunci

»

  1. sei sempre divertente ed e’ piacevole leggerti per farsi una risata! MA… io ho sposato un’americano e viviamo lontani da entrambe le famiglie, pero’ siamo appena tornati da una settimana a st lucia 😉 e mio marito ha una famiglia di cacca ma sia lui che suo fratello maggiore una famiglia l’hanno voluta, solo il fratello minore e’ uscito un po’ maluccio 😀

  2. No dai… sul primo punto, non concordo. Io sono laureata in ingegneria, ma ho sempre avuto uomini “manovali”. Trovo una totale complementarietà in questi ruoli, certo non potrò chiacchierare dei libri che leggo o del lavoro, ma quando mi si rompe la macchina, due secondi ed è a posto! 😉
    Non ti dico poi quando perde un tubo… insomma, ad ognuno il suo 😀
    Secondo punto idem, ti boccio anche questo. Conosco coppie con lui più giovane, e funzionano. Rari casi, ma funzionano.
    Il terzo punto, approvo appieno. Non pensavo, non credevo, fino a che non ho trovato l’uomo “della porta accanto”, ed ho scoperto che è splendido condividere le origini. Touché.
    Punto 4 ahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahahahahahaahahah…. ok, smetto di ridere…..
    Punto 5 TERRIBILE ma temo che ce ne siano veramente troppi in circolazione!!
    Punto 6 EH…. a poterlo scegliere…. poi ti capita e te lo tieni!
    Punto 7: mai piaciuto gli occhi azzurri 🙂

    • Domanda: com’è finita con i manovali? Puoi pensare di passarci una vita insieme? Sarà che sono così abituata a stare sola che ho imparato a fare tutto da me e i manovali non mi servono….
      Quelli più piccoli poi…più piccoli di quanto? Non ci dev’essere una gran ricerca del crescere se esci con uno di 10 anni meno di te….di che gli parli? di quella volta che Goku ha uccio Majimbù? Immagina…io alle prese con i problemi ministeriali, lo stipendio che non arriva, la bolletta da pagare, la speranza TFA….lui che chiede alla mamma se può uscire….credimi ci sono passata più e più volte, non ci sono punti in comune a meno che la donna non sia una demente. Quella possibilità te la lascio! 😉

      • Un manovale me lo sono sposato, a me andava benissimo, lui mi ha mollata per una cretina analfabeta quindi presumo che non fosse soddisfatto di avere la donna più colta di lui. Ma è siciliano, quindi rientra anche nella casistica del punto 3.
        Oggi ho un manovale se possibile ancora più ignorante di quello prima, ma stiamo benissimo e viviamo insieme. Lui ha un ego talmente grande ed è talmente sicuro di sè, che non si sente minimamente minacciato, anzi. Ed è un bue del paese mio, quindi punto 3 assicurato. Ha la mia età precisa precisa!

        Sui più piccoli, mia amica sposata con uomo di 7 anni più giovane. Sono insieme da 10 anni, hanno un figlio, e stanno meravigliosamente. Diciamo comunque che lui è veramente speciale, è un ragazzo fantastico con un cervello notevole!
        Miei cugini invece, lui di 9 anni più giovane. Ora lei ne ha 80 e lui 71, sono insieme da tutta la vita. Penso che l’età inizi a pesare adesso, perchè lei non è messa molto bene… ma lui la cura. Love!
        Tornando alla mia amica, lei aveva 28 anni quando si sono messi insieme, quindi lui appena 21enne. Però lavorava già ed era già indipendente, e aveva tanta voglia di sistemarsi. Mentalità “di una volta”, ragazzo genuino di campagna se capisci il genere. Un amore! Lei matura “ma non troppo”, nel senso che comunque è sempre rimasta ragazzina.

    • Il marito rientra nella categoria 1 a quanto vedi! Non è sempre così ma è un rischio e io consiglio di non correre rischi a 30 anni!
      Per quanto riguarda la differenza d’età credo cmq che i tempi siano cambiati. E cmq non dimenticherò mai la storia di amici dei miei che hanno tanta differenza d’età e si amano tanto ma quando lui ha raggiunto l’età che era giusta, secondo lui, per un figlio e lei non poteva più dargliene…diciamo che non hanno passato bei momenti.
      Secondo me dipende da che si vuole nella vita, io non voglio perdere del tempo, io voglio qualcuno con cui costruire una vita, non qualcuno che devo aspettare perchè sia maggiorenne…

      • Secondo me va anche a gusti. Io personalmente, non ho mai avuto a che fare con uomini più giovani, semplicemente perchè non li ho mai trovati attraenti. Ho un mio collega giovane, che adoro, è fantastico, avessi vent’anni gli morirei dietro perchè è proprio il mio tipo. Ma lo vedo così bambino, non riesco ad avere pensieri indecenti nei suoi confronti 🙂
        Probabilmente tu sei come me in questo senso, cerchi qualcuno a cui poterti affidare, non qualcuno a cui fare da mamma!

    • In realtà parlo per esperienza…quasi sempre uscita con quelli più piccoli e so quali sono le conseguenze, so quando a distanza di anni ti vengono a dire “Sai che alla fine avevi ragione?” perchè poi crescono…il problema è che in quel momento è ovvio che sei mamma, se non lo sei….sei idiota! L’uomo cresce più lentamente c’è poco da fare…e se vuoi fare da mamma…beh…fai un figlio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...