…alice….

Standard

Immagine

Aprì gli occhi e la prima cosa che penso fu “non ho sentito la sveglia!” allungò la mano sul comodino ma….hei! dov’era il comodino?

Si tirò velocemente su dal letto e con suo enorme stupore si trovava in un’enorme stanza vuota. Alice si alzò di scattò, corse verso la porta che vedeva sul fondo della stanza e l’aprì d’impulso. La porta si apriva su un bellissimo giardino con il prato inglese tagliato corto e delle strane siepi.  Il sole quasi la accecava ma nel momento esatto in cui cercò di schermirsi gli occhi con un braccio qualcosa attirò la sua attenzione. Un nitrito in lontananza le fece capire che le strane siepi erano ostacoli e che qualcuno stava arrivando al galoppo su un cavallo nero. “Peccato!” pensò “non può essere il principe.”

Vide sul cavallo una bambina bionda con una lunga coda di cavallo saltare gli ostacoli e cercò di chiamarla. La bambina sembrò non accorgersi neanche della sua presenza.

Decise di andare verso la casetta che vedeva alla sua sinistra e si incamminò di buon passo “Sarà pure un sogno ma io mi auguro che abbiano del caffè.” Appena aprì la porta, però, capì che non avrebbe trovato caffè. Incredibilmente all’interno della casetta di campagna c’era…un concerto rock. Si sentì in imbarazzo per stare lì a piedi nudi e col pigiama di Hello Kitty nel bel mezzo di un concerto rock. “E’ solo un sogno” si disse “chi vuoi che ci farà caso!”.

Fu però lei a fare caso a qualcosa…il cantante di quella band lo conosceva…le sembrava proprio l’impiegato della sua banca. Strabuzzò gli occhi. Non sapeva facesse il cantante rock e, ad ogni modo, cosa diavolo ci faceva nel suo sogno!
“Eh già, quanto poco si conoscono le persone, non è vero?” sentì dire da una voce alla sua sinistra “Gente che incontri tutti i giorni e non immagineresti mai che volesse diventare il nuovo Kurt Cobain!”

Un ometto bassino con barba e capelli rossicci la stava fissando. “Mi scusi?” gli sussurrò Alice. “Ah ma allora mi vedi adesso! Sono due ore che cerco di attirare la tua attenzione!” “Mi conosce?” “Alice…benvenuta nel paese delle meraviglie!” “Guardi non so come mi conosce ma avevo promesso che il prossimo che faceva una battuta sul mio nome non avrebbe fatto una bella fine.” “Vieni Alice, usciamo di qui, non mi è mai piaciuto il rock….troppo chiassoso!”

Annunci

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...